BOLLO AUTO, LA CASSAZIONE FA CHIAREZZA SUI TEMPI DI PRESCRIZIONE.

BOLLO AUTO, LA CASSAZIONE FA CHIAREZZA SUI TEMPI DI PRESCRIZIONE.

Ancora un intervento della Suprema Corte, su temi tanto cari agli automobilisti. Questa volta, l’attenzione dei giudici si è appuntata sui termini di prescrizione della tassa di possesso dei veicoli, meglio conosciuta come bollo auto. Con una recentissima sentenza, la n.593/2017, la Cassazione ha specificato che, in caso di omesso versamento del tributo, la cartella di pagamento deve essere notificata entro tre anni dall’accertamento della violazione. 

Quanto ai termini di prescrizione del tributo in sé, si è pronunciata di recente la Commissione Tributaria Regionale della Calabria. I giudici tributari hanno ribadito che il termine di prescrizione decorre a far data dal primo gennaio successivo all’anno in cui l’imposta era dovuta.

In altri termini, in questo momento, sono prescritti i bolli dovuti per l’anno 2013. Il termine di prescrizione è lo stesso, anche per le cartelle esattoriali, emesse dopo l’accertamento. A tutt’oggi, la sola possibilità di sottrarsi a tutti questi problemi (ricordiamo che queste precisazioni arrivano dopo lunghi e costosi percorsi processuali) è rappresentata dalla scelta per il noleggio a lungo termine.

Se vuoi maggiori informazioni sul noleggio, contattaci e riceverai un preventivo dettagliato con il canone mensile costante e senza fregature!

Voglio ricevere un contatto!