Musk: Entro due anni le Tesla guideranno da sole

Musk: Entro due anni le Tesla guideranno da sole

Elon Musk accelera nella corsa smodata alla Tesla-robot: in una recente intervista a Fortune, il Ceo di Palo Alto ha assicurato che le sue elettriche raggiungeranno la completa autonomia nel giro di due anni, guidando meglio degli umani.
L’annuncio comprime ulteriormente i tempi della tecnologia driverless, attesa sul mercato attorno al 2019-2020.

L’ultimo passo. Non più di un mese fa, Musk ha potenziato il team dell’Autopilot, il sistema semiautonomo attualmente disponibile su Model S e Model X: il Ceo ha selezionato personalmente esperti di software e informatici di alto livello, definendo una priorità assoluta l’approdo all’ultimo step tecnologico.
A quanto pare, i numeri ci sono: Penso che raggiungeremo la completa autonomia in circa due anni, ha spiegato il fondatore della Tesla e di SpaceX.
Abbiamo tutti i pezzi, si tratta solo di rifinirli, metterli al loro posto e di essere sicuri che funzionino in un enorme varietà di condizioni.

In particolare, con neve e pioggia. Tuttavia, per il golden boy della Silicon Valley ciò non significa che nel 2018 le elettriche si muoveranno da sole per le strade di mezzo mondo: l’idea, infatti, è che il progresso arriverà prima delle norme e delle regole, le quali richiederanno un altro anno per l’approvazione dei nuovi sistemi.
In alcuni casi, anche cinque.
Umani fuorilegge.
L’ottimismo di Musk va oltre il semplice annuncio.
Le Tesla del 2018, infatti, dovrebbero disporre di sistemi autonomi di livello 4, capaci di gestire in sicurezza tutte le funzioni, lungo tutto il percorso ed eventualmente anche in assenza di conducente, con una probabilità di incidente inferiore rispetto a quella di una persona alla guida.
Una frase ad effetto, che fa il paio con la previsione apocalittica di un futuro in cui le auto tradizionali potrebbero potrebbero diventare fuorilegge perché troppo pericolose.
L’Autopilot oggi.
Nonostante gli orizzonti piuttosto estremi, Musk ha sempre detto che la guida autonoma resterà un’opzione per i propri clienti, i quali – se lo vorranno – potranno continuare a usare il volante.
D’altronde, è il principio dell’Autopilot: oggi, il sistema offre la frenata automatica d’emergenza, l’avviso di angolo cieco, l’adaptive cruise control, lo sterzo e il cambio di corsia automatici, l’avviso di collisione laterale e il parcheggio autonomo in parallelo, ma le funzioni sono sempre attivabili a piacimento.
Come da copione, Musk ha anticipato un grande annuncio per la prossima generazione dell’Autopilot:
i dettagli scarseggiano, ma visti i tempi piuttosto stretti è lecito pensare che si tratterà del passaggio intermedio verso l’autonomia totale. Una sfida non solo per i Costruttori tradizionali che stanno elaborando la stessa tecnologia (Audi, Ford, Honda, Nissan, Volvo, PSA, BMW, Mercedes-Benz), ma anche per i giganti della California come Google, Apple e Uber.

(FONTE: QUTTRORUOTE.IT)

Se vuoi maggiori informazioni sul noleggio, contattaci e riceverai un preventivo dettagliato con il canone mensile costante e senza fregature!

Voglio ricevere un contatto!