Rent360 | Noleggio a lungo termine

L’uomo del miracolo Fiat


L’uomo del miracolo Fiat

Sergio Marchionne è stato, e sarà, l’uomo del “miracolo” manageriale Fiat. Parlano per lui i numeri di questi ultimi 15 anni alla guida del gruppo FCA. Gruppo torinese divenuto poi mondiale proprio grazie all’abilità del manager italiano.

Due dati su tutti: nel 2004 la capitalizzazione del gruppo era di 5,5 miliardi di euro, oggi sotto quella stessa voce troviamo 60 miliardi di euro. in particolare, in questo lasso di tempo sotto la guida del manager con il maglione, i ricavi sono cresciuti, da 47 mld a 141 mld.

Il miracolo manageriale di Marchionne avviene negli Stati Uniti d’America nel 2009, dove ottiene dal presidente Obama la concessione di acquistare il 20% delle quote di Chrysler, una delle tre grandi case automobilistiche americane, praticamente fallita, dopo l’alleanza negativa con i tedeschi di Mercedes.

Dopo soli 5 anni, il gruppo Fiat acquisisce il 100% di Chrysler e nasce la Fiat Chrysler Automobiles, portando al rilancio il marchio Jeep, facendo rinascere la Maserati e scommettendo su una Alfa Romeo premium, negata caparbiamente ai concorrenti tedeschi.

Il miracolo però avviene anche con la delocalizzazione di numerose produzioni, la chiusura di diversi impianti italiani, primo fra tutti Termini Imerese, la frattura con i sindacati.

L’ultimo piano industriale (di giugno) vede il declino del marchio Fiat, a cui sarebbe stato preferito quello 500, e l’uscita di scena di Lancia, in nome della continuità e della sostenibilità del gruppo nel mercato globale dell’automotive.

inserita il:2018-07-25 10:20:51